Scatti e via: come viene viene

“Scatti e via: come viene viene” significa: niente elaborazioni, tagli, interventi sulla luminosità, sulla saturazione, eccetera.
Mi sembra opportuno riportare un testo fondamentale sulla fotografia, contenente un’analisi teorica ma anche riferimenti puntuali alla pratica, alle diverse tecniche, e accenni alla manualità … in senso lato.

Nel leggere questo testo è importante porre l’accento, nella parola Kodak, sulla a, perché solo se questa parola è tronca si capisce la funzione che la omonima storica azienda ha avuto nello sviluppo della fotografia, e solo così si rispetta la rima.

Per approfondire l’argomento si troverà facilmente su YouTube un video esplicativo (si consigliano le versioni di Nino Taranto e di Aurelio Fierro, quest’ultima più lenta, di stile forse superato, ma di più facile comprensione per ascoltatori non napoletanofoni).

Il simbolo ə designa la vocale centrale media caratteristica della lingua napoletana, come nella seconda e terza sillaba della parola sdrucciola “mammətə”= tua madre; la doppia c di “caccə” e di “faccə” ha il suono dolce /tƒ/ come nell’italiano “caccia” e “faccio”; anche la c di “dicə” ha il suono /tƒ/ (“dici”). Invece la doppia c di “toccə” ha il suono duro /k/, come nell’italiano “tocca”; anche la c di “vacə” ha il suono /k/ (significa “vado”).

Il testo, da studiare approfonditamente e, possibilmente, imparare a memoria, è il seguente.

A chə facimm’ammorə tutt’e ddujə, / Nun aggiə avutə nu ritrattə tujə. / Dicə ca nun ó tienə pə’ mm’ó da’, / Ma iə tengə ó mezzə pronto pə t’ó fa’.

Da quando ci siamo legati con un rapporto affettivo e sessuale completo / non sono riuscito ad avere un tuo ritratto. / Dici che non ne hai uno disponibile, / ma io ho lo strumento adatto ad ottenerlo.

M’ho comprato na Kodàk, / Nun appena a tocchə: tacc, / Gira a mollə, fa nu scattə, / E tə caccə nu ritrattə.

Ho comprato una macchina fotografica Kodak. /  Basta toccarla, si sente: tac, / la molla interna avanza, fa uno scatto / e immediatamente la macchina produce una fotografia.

T’a vuó fa’fa’ na foto? / T’a vuó fa’fa’ na foto? / Jammə, fattella fa’, bellezza mia! / Iə mett’a fuoch’e … tta, / Tu si vənuta già. / Fattə fa a fò, / Fattə fa a fò, / Fattə fotografà!

Posso farti una foto? / Posso farti una foto? / Suvvia fattela fare, bellezza mia. / Non appena metto a fuoco … tta / tu vieni, anzi sei già venuta. / Fatti fare la foto, / fatti fare la foto, / fatti fotografare.

Nujə cə vedimmə quasə ognə mumentə, / Ma chistu fattə nun mmə fa cuntentə. / A nottə, commə faccə a tə vədé, / Si nu ritrattə nun’ó’pozzə avé?

Noi ci vediamo quasi ogni momento, / ma questo fatto non mi basta, non mi accontenta. / Di notte come posso continuare a vederti / se un tuo ritratto non posso avere?

E perciò cu sta Kodàk, / Mettə ó ditə e faccə “ttacc”. / Chellə venə là’ppə’llà / E m’a vach’a sviluppà.

E perciò con questa Kodak / metto un dito e faccio tac / quella (la foto) viene all’istante / e me la vado a sviluppare.

T’a vuó fafa’ na foto? / T’a vuó fafa’ na foto? / Jammə, fattella fa’, bellezza mia! / Iə mett’a fuoch’e … tta, / Tu si vənuta già. / Fattə fa a fò, / Fattə fa a fò, / Fattə fotografà!

Posso farti una foto? / Posso farti una foto? / Suvvia fattela fare, bellezza mia. / Non appena metto a fuoco … ttà / tu vieni, anzi sei già venuta. / Fatti fare la foto, / fatti fare la foto, / fatti fotografare.

A primmə ca tə fajə cə pruovə gustə: / Di faccia, di profilo, a mezzo busto. / E va a fərnì ca po’ dicə a me: / “Una non basta, me ne faccio tre”.

Basta fartene una … ci prendi gusto. / Di faccia, di profilo, a mezzo busto. / E va a finire che tu stessa mi dici: / “Una non basta, ne voglio fare tre”.

E io sto prontə cu a Kodàk, / Sempə prontə: ttacch-ttacch. / Chillə ó roll’è luongh’o ssà. / Dimmə, quantə nə vuó fa’.

E io sono pronto con la Kodak. / Sempre pronto a scattare foto. / Il rullino è lungo, sai / Dimmi quante ne vuoi fare.

T’a vuó fafa’ na foto? / T’a vuó fafa’ na foto? / Jammə, fattella fa’, bellezza mia! / Iə mett’a fuoch’e … tta, / Tu si vənuta già. / Fattə fa a fò, / Fattə fa a fò, / Fattə fotografà!

Posso farti una foto? / Posso farti una foto? / Suvvia fattela fare, bellezza mia. / Non appena metto a fuoco … ttà / tu vieni, anzi sei già venuta. / Fatti fare la foto, / fatti fare la foto, / fatti fotografare.

TITOLO: “Fattə fa a foto” (1947); AUTORI: Gigi Pisano, Giuseppe Cioffi

San Miniato (PI) – febbraio 2020
San Miniato (PI) – febbraio 2020
San Miniato (Pisa) – Le colline toscane (gennaio 2020)
Firenze – piazza Santa Maria Novella (Mimmo Paladino per Natale 2019: Moon F-Light)
Firenze – piazza della Repubblica (16 dicembre 2019 h 21.30)
Pisa – l’Arno dal Ponte di Mezzo (22 novembre 2019)
Giovanni Fattori – Dopo la battaglia, 1907 – Olio su tela – Museo Fattori – Livorno – (foto novembre 2019)
Livorno – Scali del Corso (12 novembre 2019)
Livorno – Scali del Corso (12 novembre 2019)
L’alveare – Livorno – via Sant’Jacopo in Acquaviva (10 novembre 2019)
Sul pontile – Marina di Pietrasanta (ottobre 2019)
Valdicastello (frazione di Pietrasanta) – Casa natale di Giosuè Carducci (ottobre 2019)
Anna Chromy “Odisseo” – Ingresso al pontile di Forte dei Marmi (ottobre 2019)
Anna Chromy “Odisseo” – Ingresso al pontile di Forte dei Marmi (ottobre 2019)
Anna Chromy “Alcyon” – Pisa piazza Vittorio Emanuele II (settembre 2019)
Anna Chromy “Chronos” – Pisa piazza Vittorio Emanuele II (settembre 2019)
Marina di Pietrasanta – Pontile e Statua di Sant’Antonio, di notte (30 agosto 2019)
Pietrasanta – Chiesa della Misericordia – Fernando Botero “La porta del Paradiso” (agosto 2019)
Pietrasanta – Chiesa della Misericordia – Fernando Botero “La porta dell’Inferno” (agosto 2019)
Pietrasanta – piazza Duomo (agosto 2019)
Calci (PI) – Museo di Scienze Naturali – Calci (19 luglio 2019)
Calci (PI) – Museo di Scienze Naturali (19 luglio 2019)
Calci (PI) – Museo di Scienze Naturali (19 luglio 2019)
Calci (PI) – Museo di Scienze Naturali (19 luglio 2019)
Stazione di San Miniato – Fucecchio sotto il solleone (luglio 2019)
Pisa (giugno 2019)
Firenze – piazza della Repubblica (maggio 2019)